Feed URL:

Thu, 30 Mar 2017 7:46:54 EDT
SENTENZA N. 62
ANNO 2017
per questi motivi
LA CORTE COSTITUZIONALE
1) dichiara inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1 della legge della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste 11 dicembre 2015, n. 19, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione autonoma Valle d’Aosta (Legge finanziaria per gli anni 2016/2018). Modificazioni di leggi regionali», promossa dal Presidente del Consiglio dei ministri, in riferimento all’art. 119, secondo comma, all’art. 120, secondo comma, della Costituzione, in relazione alla tutela dell’unità economica della Repubblica, nonché all’art. 81, terzo comma, Cost.;
2) dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 1 della legge della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste n. 19 del 2015, promossa dal Presidente del Consiglio dei ministri, in riferimento all’art. 117, primo e terzo comma, Cost., in relazione ai vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario, e ai princìpi del coordinamento della finanza pubblica di cui all’art. 1, comma 454, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2013)».
Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 7 febbraio 2017.
Paolo GROSSI, Presidente
Giancarlo CORAGGIO, Redattore

ORDINANZA N. 63
ANNO 2017
per questi motivi
LA CORTE COSTITUZIONALE
dichiara estinto il processo. Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 febbraio 2017.
Paolo GROSSI, Presidente
Franco MODUGNO, Redattore

ORDINANZA N. 64
ANNO 2017
PER QUESTI MOTIVI
LA CORTE COSTITUZIONALE
ordina la restituzione degli atti al Giudice dell’esecuzione del Tribunale ordinario di Viterbo. Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, l’8 marzo 2017.
Paolo GROSSI, Presidente
Mario Rosario MORELLI, Redattore

ORDINANZA N. 65
ANNO 2017
PER QUESTI MOTIVI
LA CORTE COSTITUZIONALE
riservata a separate pronunce la decisione delle altre questioni di legittimità costituzionale promosse con il ricorso in epigrafe;
dichiara estinto il processo.
Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il giorno 8 marzo 2017.
Paolo GROSSI, Presidente
Daria de PRETIS, Redattore



Consulta OnLine



Got a web page? Want to add this automatically updating news feed? Just copy and paste the code below into your HTML.